Un biologo, una fotografa e una turista: tre personaggi si muovono in un bosco all’imbrunire. Il lupo è tornato sulle Alpi e i tre protagonisti si trovano, ognuno secondo la propria idea, ad affrontare questa nuova convivenza. Scrutano la natura, le loro orecchie avvertono suoni, presenze. Uno strano rendez-vous in alta quota. E parlano, di loro, del lupo. Come se attraverso le loro vite potessero incontrare il lupo, come se attraverso il lupo potessero conoscere se stessi. E’ notte e si fermano in un punto che potrebbe essere un buon luogo per avvistare il lupo. Le sensazioni dei tre sono diverse, sono una eco delle loro vite, sono sensazioni mediate dall’esperienza che li ha formati. Siano esse esperienze reali e concrete, siano frutto di un’immaginazione coltivata nella superstizione, nella paura inconscia. Paura. Del bosco nero. Paura di un suono un fruscio. Paura di ciò che non vedo, di ciò che non conosco. Paura di quell’estraneo, di quel diverso da me. Sia esso lupo o uomo. Al giungere della notte, il luogo diventa denso, il bosco domina, entra negli animi. Si parla, si sta zitti, si osserva. E si sente, come una mano divina, lo sguardo del bosco su di noi. Un pensiero si insinua: sono vicini, terribilmente vicini. La suggestione prende forma, si materializza. Il bosco diventa teatro drammatico e carnivoro. Violento e crudele. Uccidere il desiderio, il selvaggio, il diverso, per dominare noi stessi. Ma nulla è reale, ciò che accade non è che finzione, teatro nel teatro. Ciò che rimane alla fine è una domanda: quale futuro ci attende?

Il debutto avverà a Trento il 25 novembre per poi proseguire, nel corso del 2017 in varie territori dell’arco alpino.

Questo spettacolo nasce grazie a un gruppo di attori e autori teatrali che si sono immersi nella controversa tematica del ritorno naturale del lupo sulle Alpi, collaborando con ricercatori ed esperti del progetto LIFE WOLFALPS, il progetto che è impegnato nella conservazione del lupo nelle regioni della catena alpina.

Venerdì 25 novembre 2016 ore 21:00
Teatro Cuminetti, Via Santa Croce 67, Trento

Ingresso gratuito. Biglietti presso la biglietteria del Teatro dal 22 novembre